Lampade a energia solare per illuminare i Paesi poveri

A vederla sembra una Polaroid giocattolo, per bambini, ma la sua tecnologia potrebbe rappresentare il futuro dell’illuminazione nei Paesi in via di sviluppo, soprattutto i più poveri. Perché? Perché come dice la canzone, le cose migliori della vita sono gratis. Come il sole

B008VPIDXC-1

Si parla tanto di risparmio energetico, di fonti rinnovabili e gratuite d’energia. Ma il risparmio nelle proprie case ancora sembra non aver raggiunto degli standard che non implichino una tecnologia ingombrante come pale eoliche o pannelli fotovoltaici. Ma c’è sempre una prima volta. È in quest’ottica che nasce Waka Waka, la prima lampada a energia solare. La novità non è passata inosservata negli ultimi giorni, perché in effetti la tecnologia potrebbe rivoluzionare il mondo dell’illuminazione domestica (e un giorno forse anche quella pubblica).

Il nome non è niente di nuovo, dato che il mondo ha conosciuto quest’espressione quando Shakira l’ha resa celebre nel mondo: Waka Waka è un’esortazione ad andare avanti, in questo caso per il progresso dei Paesi, come quelli africani, in via di sviluppo. E infatti questa lampada potrà illuminare sempre e comunque anche quando non si disporrà di energia proveniente dal cherosene.

Waka Waka presenta un design – dicevamo – piuttosto semplice, e la lampada, prodotta da Off Grid Solutions, ha piccole dimensioni: si carica con il sole e poi si utilizza come una normalissima lampada. Il funzionamento per caricarla è davvero facile, perché prevede il posizionamento della cella verso il sole, prima di premere il tasto che darà il via al caricamento.

L’azienda ha donato 12mila lampade ad Haiti e pare si stia rivolgendo verso le popolazioni della Siria. Perché nelle zone colpite da disastri naturali o interessate da guerre, non sempre è facile il trasporto e l’utilizzo del cherosene. Che, tra l’altro, è un materiale pericoloso, infiammabile e altamente inquietante. In questo modo, la tecnologia sposa le cause solidali ma anche una certa attenzione nei confronti dell’ambiente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>