Design, quando la storia si mescola alla modernità

Quando arrediamo una casa, i complementi di design per l’illuminazione sono la prima o l’ultima cosa che inseriamo? Ogni risposta in questo caso è sbagliata, perché l’illuminazione è parte integrante della casa e non si deve scegliere né per prima né per ultima

2

La foto inserita in questo post illustra in maniera esaustiva la faccenda: viene ritratto il Karaoky Loft dello studio Ofist, che si trova a Istanbul in Turchia. Questa nazione e questa città cosmopolita in particolare rappresentano da sempre un ponte tra oriente e occidente, e la stanza della foto è un ponte tra tradizioni culturali e modernità.

Nell’intreccio tra materiali e colori spiccano inequivocabilmente i lampadari: sono piccoli, in metallo scuro e diffondono luce gialla. La scelta della luce diffusa – l’abbiamo ribadito più volte – non è più un tabù, non più, anzi, l’asimmetria creata tra i differenti lampadari contribuisce a creare dissonanze volumetriche all’interno di un ordine perfetto, in cui colori e forme si compenetrano totalmente.

Dal legno al metallo attraverso il colore. Il legno delle pareti viene richiamato dalla luce gialla, mentre altri colori caldi contribuiscono a puntare l’attenzione sull’insieme: i cuscini rossi sul divano sono semplicemente la ciliegina sulla torta, mentre altri dettagli si orientano nel senso del chiaroscuro, come aggiungendo il tocco personale individuale. E anche se si tratta di un ufficio, il discorso può essere esteso al design domestico.

Per concludere: l’illuminazione non è semplicemente una parte dell’arredamento, ma è uno dei dettagli integranti. E se vogliamo riuscire a ricreare una simile opera d’arte, ci basta chiudere gli occhi e immaginare una stanza. È questo il modo con cui dovremmo sempre approcciarci all’arredamento di interni: immaginare tutto come un unico blocco d’armonia. Certo, i nostri risultati, se non abbiamo nozioni e studi di design, difficilmente saranno perfetti come quelli della foto a corredo di questo post, ma non bisogna desistere dal pensare la stanza che si adatta meglio a noi, la casa che si adatta meglio a noi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>