Mezzo milione di lampadine a basso consumo a New Orleans

Il consumo energetico è uno dei temi fondamentali da affrontare quando si parla di illuminazione. E così un’iniziativa che ha a che vedere con la città di New Orleans diventa paradigma di un movimento, quello relativo al risparmio energetico

-d352da0604550a78

Si scrive Green Light, si legge risparmio energetico. O almeno questo è quello che accadrà con certezza il prossimo martedì, 20 gennaio. A New Orleans, si terrà infatti un’iniziativa che coinvolge la Green Light e la popolazione della città tanto devota al Carnevale: l’iniziativa ha a che fare con il risparmio energetico, un tema di fondamentale importanza quando si parla di illuminazione, sia domestica sia pubblica.

La Green Light si occuperà dell’istallazione di 500mila lampadine a risparmio energentico nell’area abitata di New Orleans. L’iniziativa, come ha tenuto a precisare il direttore esecutivo e fondatore della Green Light Andreas Hoffman, è organizzata grazie a volontari e sponsor, che hanno permesso la gratuità dell’evento, cui seguirà anche una festa, a margine dell’istallazione delle lampadine. La Green Light è un’azienda no profit che opera in quella città e si occupa di energia e stile di vita sostenibile.

I dati più interessanti, però, riguardano il risparmio e non solo quello energetico. Dal 2007, iniziative di questo genere aiutano la popolazione di New Orleans, colpita in passato da una catastrofe naturale, a risparmiare 23 milioni di dollari, riducendo anche le emissioni di CO2 di 223 milioni di chili. Queste lampadine utilizzano il 75% in meno di energia e durano dieci volte più a lungo rispetto alle tradizionali lampadine a incandescenza.

Certo, è bene che questo tipo di iniziative partano da queste città simbolo, che hanno bisogno di risparmiare e ricostruire, ma è bene che iniziative del genere vengano prese anche ad esempio da quei luoghi in cui il rismarmio energetico, in particolare nel campo dell’illuminazione, non ha ancora trovato la giusta strada.

Fonte: Nola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>