5 lampade da tavolo da non perdere

Ci sono dei modelli di lampade da tavolo che risultano imprescindibili: ecco quali.

poc-bcone-lt-1_1

Quando si parla di classici del design per le lampade da tavolo, non si può ignorare la linea ardita di Arà di Flos: si tratta di una lampada da tavolo formata da una testa in lega di fama pressofusa e corniforme, lucidata e cromata. In pratica, il cono della luce è stato reso più morbido da una curva ed è collegato alla base in acciaio stampato, lucidata e cromata, con contrappeso interno in piombo. L’ideale per un ufficio, oltre che per la propria casa.

Si apprestano a diventare dei classici nella loro essenzialità, invece, le lampade Livincolors di Philips, che si avvalgono di una funzione touchpad. Sono presenti in tantissimi colori e hanno la forma di una sfera tagliata parzialmente, dalla quale fuoriesce la luce a led.

Poi c’è Poc di Vistosi, che si avvale di un’eccellenza italiana, il vetro soffiato. La lampada da tavolo in questione è realizzata con una tecnica che permette di ottenere una membrana lavorata a mano all’interno di una forma soffiata.

Più eccentrica Sixty di Av Mazzega, che richiama appunto il design degli anni ’60, mentre se si desidera una lampada passe-partout si può ripiegare su Noglobe di Kundalini, che è una lampada da tavolo costituita da una sfera in acrilico bianco con tre fori ellissoidali tagliati a laser e struttura in acciaio tornito e cromato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>